Video-Sorveglianza

La videosorveglianza è un evoluto sistema di sicurezza il cui compito è quello di sorvegliare a distanza luoghi pubblici (edifici, parcheggi, parchi gioco, zone soggette al traffico veicolare, incroci stradali, etc.) o privati (perimetri interni o esterni di abitazioni, spazi condominiali, giardini, etc.). Le immagini provenienti dal sistema di videosorveglianza vengono registrate e possono gestire allarmi in relazione ad eventi specifici intercettati tramite l’analisi delle medesime.

Un sistema di video sorveglianza è l’insieme di alcuni componenti fondamentali:

  • Telecamere di videosorveglianza posizionate nelle zone sensibili.
  • DVR (Digital Video Recorder) che memorizza su hard disk le immagini provenienti dai dispositivi di ripresa.

A loro volta le telecamere utilizzate per la videosorveglianza sono composte da tre elementi che le rendono efficaci per il loro scopo:

  • lenti
  • sensori
  • processore di elaborazione delle immagini

Il funzionamento di una telecamera di videosorveglianza è relativamente semplice:

  • l’immagine attraversa la lente
  • viene catturata dal sensore
  • viene quindi trasmessa al processore il quale elaborerà l’immagine e deciderà se salvarla o meno.

Il sensore è l’elemento più importante dei tre appena citati, la qualità delle immagini è funzione dalla efficacia del sensore.

Le telecamere di videosorveglianza non sono comuni telecamere utilizzate per riprese amatoriali, ma hanno una tecnologia molto avanzata, una estrema sensibilità alla luce ed in alcuni casi sono attrezzate con una serie di led ad infrarossi, cosicché riescono ad illuminare la scena anche in casi di buio totale.

In funzione della loro tecnologia possiamo suddividere le telecamere di videosorveglianza in tre tipi :

  • analogiche
  • ibride
  • digitali

Le telecamere analogiche ormai obsolete non vengono più utilizzate, sono state sostituite da modelli ibridi e digitali molto più preformanti. Le telecamere ibride sono in grado di registrare immagini trasmettendole ad un DVR (registratore digitale) direttamente connesso.

Le telecamere digitali o IP, oltre ad avere le stesse funzioni di quelle ibride, possono funzionare autonomamente e sono controllabili direttamente da remoto tramite internet.

Si tratta a tutti gli effetti di dispositivi IoT (Internet of Things), oggetti intelligenti inseriti nella rete globale che collaborano con altri dispositivi scambiando dati attraverso la rete.

Le moderne telecamere IP possono essere dotate di una serie di funzionalità che ne amplificano le possibilità di utilizzo. Queste funzionalità sono legate alla “analisi della immagine” eseguita direttamente a bordo della apparecchiatura.

Citiamo di seguito alcune di queste funzionalità

  • Motion Detection, riconoscimento di movimento nell’ambito del campo visivo, riconoscimento di accecamento e riconoscimento della perdita di fuoco. Questi eventi possono far scaturire registrazioni, uscite allarme, invio mail, invio a FTP o semplice salvataggio fotogramma, pensiamo a quando la telecamera è utilizzata magari vicino ad un passaggio pedonale, o finestre.
  • Face Detection, identificazione dei volti, in questi casi è possibile:
    • Definire le dimensioni minime e massime di un viso, così da non incorrere in falsi allarmi.
    • La telecamera in modo automatico può cambiare le impostazioni video in modo da migliorare la resa in termini di esposizione della stessa.

Audio Detect, impostando sensibilità e soglia è possibile attivare eventi tra cui registrazione video o audio, ad esempio può essere una soluzione interessante combinare questa funzione ad una delle altre, così da registrare anche eventi che accadono in aree non visibili dalla telecamera, spesso chi cerca di non farsi vedere dalla telecamera potrebbe parlare ed attivare una registrazione consentendo di rilevare informazioni interessanti.

  • Tripwire, letteralmente “scavalcamento, alcuni esempi:
    • Parcheggi, registrando ad esempio solo in specifiche condizioni (solo uscita o entrata);
    • Cancelli, rilevando chi scavalca; il motion detection da solo sarebbe portatore di falsi allarmi dovuti a passanti o ad automezzi, il Tripwire, rileva esattamente la condizione di scavalcamento;
    • Accesso ad aree interdette o riservate;
    • Rilevamento utilizzo di linee riservate (percorsi ciclabili, bus, etc.);
    • Aree industriali a traffico interdetto;
    • Segnalazione di accesso in aree non presidiate (negozio, uffici, etc.).
  • Intrusion Detection utile in alcuni casi specifici:
    • Parcheggio abusivo (Illegal Parking)
    • Zone dove è vietato sostare/scaricare
    • Attività in aree specifiche
  • Abandoned Object / missing Object, il significato è chiaro, è particolarmente utile nel:
    • Rilevamento di oggetti abbandonati in zone a rischio;
    • Aree pubbliche;
    • Oggetti di valore rimossi;
    • Rimozione di quadri, cartelli, strumentazione, rilevatori;
    • La funzione può essere usata anche per aree di parcheggio non autorizzate.
  • Scene Change, infine è la funzione che rileva un’eventuale manomissione della telecamera, molto spesso le telecamere vengono spostate in modo da non inquadrare più l’area prevista, questo avviene spesso prima di un eventuale atto di intrusione, qualcuno passa durante il giorno sposta la telecamera, l’attivazione della funzione durante il giorno evita questo tipo di evento, avvisando tempestivamente la manomissione.